Concorrenza sleale e infedeltà professionale: il licenziamento è immediato
22-05-2018

Indagini in ambito aziendaleLa sezione lavoro della Corte di Cassazione ha considerato valido il licenziamento senza preavviso per un lavoratore di Udine che si è reso responsabile di un caso di infedeltà professionale, violando l’articolo 2105 del Codice Civile e rivelando a un diretto concorrente numerose informazioni sulle confezioni per alimenti prodotte all’interno dello stabilimento in cui era impiegato.

Per questa ragione, anche se nel codice disciplinare della propria azienda non viene messo “nero su bianco”, l’obbligo di fedeltà si ritiene comunque sempre in vigore e presenta come elemento chiave proprio la riservatezza delle informazioni di cui il dipendente viene a conoscenza e che possono essere impiegate solo all’interno dell’ambito aziendale.

Purtroppo questo è solo uno dei numerosi casi di concorrenza sleale e infedeltà aziendale che si verificano sul luogo di lavoro e che dovrebbero essere tenuti in considerazione già al momento della selezione del personale. Ad esempio, è utile predisporre apposite indagini pre assunzione sui futuri dipendenti come quelle che possono essere svolte dagli investigatori privati di Milano Investigazioni e che permettono di portare all’attenzione del datore di lavoro anche eventuali violazioni degli obblighi del patto di non concorrenza pregressi.

Vai alla lista dei consigli