Le prove del tradimento sono valide se vengono raccolte da un investigatore privato?
15-06-2022

articolo-19

Secondo i dati raccolti in tutta Europa dall’IFOP (istituto francese di opinione pubblica) circa il 45% degli italiani ha dichiarato di aver tradito il proprio partner almeno una volta e, se il reato di infedeltà matrimoniale vero e proprio non esiste più, gli effetti del tradimento hanno comunque un valore dal punto di vista della legislazione civile quando parliamo di cause di separazione.

Come agisce un investigatore privato nel caso di una sospetta infedeltà coniugale?

Tutti sappiamo che esistono alcuni segnali a cui prestare attenzione e che dovrebbero mettere in guardia la persona e farle sospettare che il proprio partner la tradisca. Tra i più comuni ci sono sicuramente il cambio della routine con impegni improvvisi e la propensione a passare molto più tempo al telefono (magari allontanandosi quando arriva una chiamata), ma anche sbalzi d’umore e cambi d’atteggiamento troppo repentini.

Se, talvolta, chiedere spiegazioni confrontandosi in maniera diretta con il proprio partner può rappresentare la soluzione, non mancano i casi in cui le accuse vengono negate categoricamente, senza, però, fugare in alcun modo i dubbi. Ecco perché proprio quelle sull’infedeltà coniugale rappresentano le indagini più richieste quando ci si rivolge a un’agenzia investigativa e possono rivelarsi un aiuto concreto nei casi di separazione.

Al termine di un primo incontro con il cliente per raccogliere informazioni sulla situazione, il detective privato inizia il proprio lavoro con pedinamenti e raccolta delle prove (tra cui fotografie e video) che documentano l’eventuale scappatella extra-coniugale del partner.

Quando le prove di tradimento raccolte sono valide?

Proprio perché l’infedeltà coniugale rimane ancora oggi una delle principali cause della richiesta di separazione e di divorzio, le prove del tradimento fornite da un detecvive privato devono essere inconfutabili e raccolte nel modo giusto, poiché solo in questo modo sarà possibile utilizzarle in sede processuale.

Ad esempio, in un caso di separazione davanti al Tribunale di Modena, il diritto a servirsi di un investigatore privato per accertare l’infedeltà è stato ammesso senza riserve – come ha ribadito anche la Corte di Cassazione confermando il giudizio. Nel caso in questione, la moglie aveva presentato istanza di separazione con richiesta di mantenimento, ma le prove raccolte tramite le indagini private hanno permesso al marito di dimostrare l’infedeltà coniugale, attribuendo alla nuova relazione della donna il motivo della rottura tra i coniugi.

Immagini e registrazioni audio-video hanno valore probatorio, ma possono essere contestate dalla controparte. Molto importante, quindi, è la testimonianza dell’investigatore privato che potrà essere chiamato in tribunale per dimostrare il valore del materiale raccolto nel corso delle indagini.

 

Ben diverse sono quelle situazioni in cui le indagini sono improvvisate o una delle due parti utilizza soluzioni fai-da-te con il rischio che quanto raccolto sia dichiarato inutilizzabile a causa di metodologie completamente errate, fino a trasformarsi in un boomerang qualora le modalità di raccolta siano andate a interferire in maniera illecita con la vita privata della persona indagata. È questo il caso di intercettazioni di conversazioni o telefonate tra due soggetti non presenti e che possono essere autorizzate solo dalle autorità giudiziarie in caso di reati molto gravi.

Gli investigatori privati di Milano Investigazioni garantiscono un servizio serio e professionale, operando nel rispetto assoluto delle norme di legge in modo da aiutare i propri clienti a dimostrare l’avvenuto tradimento e favorire la richiesta di separazione con addebito.